vuoi votare un photoblog, eh??!

Posted in avec la jupe on 10 settembre 2008 by Auro

tranquillo, niente panico. questo non è un photoblog (ma va?). ma ti giuro, non è colpa mia.
se vuoi, puoi guardare qui le foto che faccio e votarmi lo stesso. mica mi offendo.

46/1826, il giorno del mare che nemmeno lui pensa di avere grandezza uguale

Posted in avec la jupe on 1 giugno 2008 by Auro

sono andata al concerto dei negramaro. il resto lo potete leggere qui: aggiorna i tuoi feed e i tuoi bookmark.

45/1826, il giorno dell’accozzaglia di cozze, o del cannibalismo

Posted in avec la jupe on 31 maggio 2008 by Auro

il testo è qui, che qui si è traslocato. aggiorna i tuoi feed e i tuoi bookmark.

44/1826, il giorno del fruscio di ragazze a un ballo

Posted in colonna sonora with tags , on 30 maggio 2008 by Auro

sono 10 giorni che ascolto solo i negramaro.
questo blog si è trasferito: aggiornate i vostri feed e se volete commentare fatelo di là.

degli scatoloni, dell’impacchettare e delle volture

Posted in jpod with tags , , , on 30 maggio 2008 by Auro

spostare la pupachasonno da wp alla nuova casa ci è costato 30 euro più altri 7 euro, due o tre sere di tempo del beggi, molta comprensione da parte di amici sparsi qui è lì.
gli amanti dei numeri saranno lieti di sapere che 3 anni e mezzo della mia vita sono stati salvati in 19 file XML che ho pazientemente e con molto amore importato.
gli esteti che vivono nel mio gaudente pubblico, invece, si accorgeranno che i muri per quanto rinfrescati hanno bisogno di un po’ di colore e di un’altra passata… lo faremo. così come aggiorneremo blogroll, widget e svariate altre cose.
nel frattempo aggiornate i vostri feed, e se volete commentare da adesso sarà possibile farlo solo di là.

proprio come daniela

Posted in candeggio, jpod with tags , , , , on 29 maggio 2008 by Auro

oggi ho sfanculato uno che voleva succhiarmi gli alluci, non sapendo che i miei alluci fanno schifo, sono storti, brutti e con segni indelebili. oggi ho confessato uno dei miei più vecchi e consolidati [post secret]. ho anche dato ragione a c*, anche se non ce l’aveva… ragione.
sono una blogger risoluta, una blogger con le palle, una blogger del fare, una blogger che mangia del suo mangio e beve del suo bevo.

43/1826, il giorno di chi s’innamorò di tutti noi (non proprio di qualcuno)

Posted in avec la jupe with tags , , , on 29 maggio 2008 by Auro

ieri ho visto per la prima volta una persona (che peraltro non mi è piaciuta per nulla) e mi ha chiesto: “sei innamorata?”. con una faccia a metà far “fatti i cazzi tuoi” e “ma perché tutte a me?”, ho risposto di no, che peraltro è una risposta tecnicamente corretta. “allora sei pronta per esserlo”.
al di là del fatto che vale il discorso del “fatti i cazzi tuoi”, voglio solo riuscire ad addormentarmi prima delle tre di notte. almeno una notte.
e se serve essere innamorata per farlo, sono disposta a innamorarmi. ma solo per una notte.

contare le pecore

Posted in avec la jupe with tags , , on 29 maggio 2008 by Auro

l’insonnia mi ucciderà.

42/1826, il giorno di chi aspetta la pioggia per non piangere da solo

Posted in 1826 all'alba, memoria, partecipazione with tags , , , , , on 28 maggio 2008 by Auro

una sera di inverno io e liviana siamo state per due minuti in mezzo a una piazza con il pugno chiuso alzato.
avevo 20 anni e spiccioli, saremmo andate al concerto dei templebeat quella sera, io avrei abbracciato michele, ne sarebbe passata di acqua sotto i ponti, avrei fatto mille tentativi, avrei provato a mettere la testa a posto, avrebbero cercato di farmi desistere, avrebbero.
per poco non ce l’hanno fatta, ma quando penso a liviana penso sempre a quei due pugni alzati in un sabato di inverno.
ci credevamo dio. e lo eravamo pure, e lo siamo ancora adesso.

naso all’insù

Posted in milano in soggettiva, ruote sottili with tags , , , on 28 maggio 2008 by Auro

essere portata in giro per milano in moto mi piace sempre un sacco.
a parte il fatto che io sono imbranatissima a salire sulle moto, e mi faccio sempre male, e tento sempre di spaccare bauletti, o accessori vari, apprezzo moltissimo il fatto di non essere chiusa in una scatola di metallo, ma di non dover stare attenta agli automobilisti, alle precedenze, ai binari del tram e ai passanti.
cioè la figata della bici, ma senza la bici.
letta così, quindi, è una figata davvero.
ma solo a metà.