ma che ci mettono nella biada

il pranzo al justcavallicafé di via della spiga è stata un’esperienza memorabile. ma devo dire che da quanto mi avevano detto pensavo molto più freak. ma il caposala agata è pur sempre agata…
in due ore di chiacchiere e scarpe di gomma, non solo ho scoperto che una che anni fa mi ha augurato di morire (forse) qualche acciacco (la modifica è un mea culpa) è sempre la solita stronza, ma ho anche scoperto che al justcavallicafé la vera giostra è l’ascensore con le pareti imbottite e i divanetti di pelliccia, che è la perfetta location per un reality show fetish e licking.
e poi, non so bene se nel branzino (!!!) o se nella crostata, ma ci doveva essere una sostanza psicotropa perché nel pomeriggio ero così iperattiva che dovevano averla tagliata proprio bene. o forse era solo l’entusiasmo perché era venerdì o perché avevo un sacco di tossine da espellere in due ore di bici al tramonto.
vallo a capire.

Annunci

Una Risposta to “ma che ci mettono nella biada”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: