e ti attacchi alla vita che hai

che poi isotta in realtà era rimasta in macchina perché a te a matteo faceva comodo fare il bravo pastore solo quando poteva farmi sentire una merda per il modo in cui io amo il mio cane, e quindi lei non era potuta venire con noi perché lui aveva deciso che era meglio che isotta restasse in macchina.
e io ero scesa per farle fare un giro prima di tornare a milano e, mentre lei pisciava in un angolo, avevo pensato – appunto – quella cosa.
mi ero attaccata alla vita che avevo. poi ho smesso e ho iniziato a viverla, la vita.

Annunci

Una Risposta to “e ti attacchi alla vita che hai”

  1. Non avrebbe dovuto costringerti a questa violenza psicologica. Infatti, Matteo fa parte dei ricordi, Iso ti amerà fino all’ultimo istante di vita. E tu lo stesso.
    Un abbraccio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: