Archivio per christian louboutin

l’infedele, 5 marzo 2008. io c’ero.

Posted in avec la jupe, piccolo e grande schermo, polis bergères with tags , , , , , , , , on 6 marzo 2008 by Auro

ospite: fausto bertinotti.
1. arriviamo, inizia a grandinare. entriamo, mi siedo sull’ultima sedia in terza fila, non c’è una protezione di lato e le sedie sembrano quelle di mia zia luigina a crescenzago: si preannuncia un mio crollo durante il secondo blocco, proprio mentre fausto si alza e intona l’internazionale, perché se l’inno sovietico non lo sa, l’internazionale lo canta a cappella insieme alle mondine.
2. arriva fausto all’ultimo. non c’è preparazione. stringe 5 mani e saluta me e i maestrini: io e mafe facciamo ciao ciao con la manina come se fossimo sul torpedone che va in colonia e salutassimo zia assunta. la mia sedia traballa.
3. fra il lancio e la prima parte, si scherza per il murale alle spalle di bertinotti: marx imbavagliato. tabacci dice “marx incombe”, bertinotti replica “ma magari imcombesse marx”. non ho fatto la ola per il semplice fatto che il coro delle mondine non era ancora arrivato.
4. in linea con la trasmissione, inizia un gran casino. bertinotti fa un piccolo pippone politico e io mi emoziono così tanto che vorrei alzarmi a urlare “voglio le mondine! cacciate fuori le mondine!”. l’assistente di studio mi anticipa di un soffio e espone un cartello “blog! brek!”, io ho un tracollo.
5. durante la prima pausa pubblicitaria mafe mi fa notare che lella costa indossa un paio di scarpe con la suola rossa.
6. fra la prima e la seconda pausa pubblicitaria io non seguo la discussione perchè penso che potrei essere seduta a due file di distanza da una che ha ballato sotto la pioggia il tango con marco paolini sul palco del pini e che possiede un paio di louboutin con la suola rossa.
7. durante la seconda pausa pubblicitaria, avvicino la costa, chiedo e ho conferma: la signora indossa un paio di louboutin (queste ma color lilla). non crollo ai suoi piedi, leccandogliele con lussuria, solo perché ho i pantaloni a vita bassa e troppo stretti. mi propone di farmele provare, ma porta un 5 e mezzo, io un 6 e mezzo pianta larga. e soprattutto temo di avere le calze smagliate.
8. riprende la trasmissione: matteo colaninno (politico da 10 giorni) prova a dire due cose ma gli fan subito la festa. da quel momento in poi, resta fermo e inutile come un soprammobile in una vetrinetta della periferia di casalpusterlengo.
9. non ricordo se ora o se prima o se dopo un sindacalista della fiom entra a pera in una discussione e si becca la bacchettata sulle mani di lerner. e un’occhiataccia che manco mia madre quando prendevo 4 in latino.
10. segnalo alla maestra (non mafe, almeno stavolta) che il sindacalista della fiom parlotta con uno in seconda fila. dovrebbero cacciarlo via. fuori! dietro la lavagna! fate entrare le mondine!
11. tabacci dice due cose intelligenti e penso: se prendete tabacci e cacciate a calci in culo la binetti, io voto walter. mi alzo, inizio a cantare “viva la gente la trovi ovunque vai”. ci ripenso immediatamente e mi siedo. delle mondine manco l’ombra.
12. lerner e bertinotti vengono truccati con crema compatta vitalumière di chanel numero 40 beige. lo so perchè è lo stesso teint che uso io. per asciugare il sudore usano fazzoletti stesi della sottomarca GS.
13. la vita più dura la fa l’assistente di studio che avvisa lerner degli (blog) stacchi pubblicitari.
14. il sindaco di gela è un comunista italiano un po’ pacioso, con la scorta. forse chiedo di trasferire la residenza. forse.
15. bertinotti va via con due auto al seguito, dei compagni di rifo con un suv e la costa con un paio di louboutin. per quanto in saldo le avrà pagate circa 400 o 500 euro. noi a piedi, poi bus, poi taxi.
per dovere di cronaca: il coro delle mondine non è arrivato, non era nemmeno previsto, io ho resistito. non ho nemmeno urlato, non ho esclamato “fausto nudo”, non ho lanciato reggiseni o mutandine. sono stata educatamente seduta.
mi sono solo innamorata persa di una bellissima ragazza irachena con il velo marrone che faceva parte del pubblico: erano un gruppo di iracheni ospiti di una scuola fiorentina e ospiti in visita della trasmissione. non hanno capito una parola e avranno pensato che sicuramente qui c’è più pace che da loro (non si fa fatica) ma che lo scontro di civiltà – quello vero – sta qua, mica là.

mamma, che fatica, sta politica.

must have anche per chi indossa anfibi consunti

Posted in shoppingirl, vista (l)ago with tags , , , , , , , , , , , , on 9 gennaio 2008 by Auro

per una feticista delle scarpe non c’è niente di meglio che la creatività dei servizi di moda di vogue, misti alla bellezza e alla lussuria delle scarpe: su vogue pelle di gennaio 2008 sono memorabili il servizio su dio, quello sulle anticipazioni del film con la lady manolo per eccellenza, la carrellata nature, graffiti e il total black+white.
menzione speciale per i details che sono da urlo.
insomma il numero è stato inserito intonso sul ripiano “riviste da tenere integre”.
da guardare (ma senza necessità di conservare la rivista) su GQ Germania del settembre 2007, invece, il servizio di moda maschile Daily Business, soprattutto burberry prorsum e zegna. sulla stessa rivista, poi, intervista di romagnoli a patrizio bertelli. per me il tedesco è incomprensibile, ma vabbé… da un punto di vista anche semplicemente fotografico, molto bello il servizio di moda di stefania paparelli su glamour di gennaio 2008

sprimacciarti

Posted in arcani maggiori with tags , , on 20 novembre 2007 by Auro

sì, lo ammetto, vorrei usarti come blocco di partenza.
possibilmente indossando un paio di tacchi a spillo.

le mie unità di misura per i soldi

Posted in candeggio with tags , , , , , , , , , , , , , , on 19 novembre 2007 by Auro

un pranzo da natural break.
un mese di abbonamento atm.
un’otturazione da sistemare.
un andata ritorno per roma in eurostar.
un mese di affitto.
un 24/105. o in alternativa, una bici su misura.
un paio di louboutin.
un anno di riscaldamento.
un mese di stipendio.
il rimborso dell’assicurazione che ho messo da parte.
il mio tfr che ho messo da parte.