Archivio per pancia

tutta una questione di pancia

Posted in partecipazione, scatti e lampi with tags , , , , on 7 aprile 2008 by Auro

ogni tanto ci vuole qualcosa che ti rimetta in pace con il mondo. a me sta cosa delle pance ha fatto un gran bene, vi dirò.
l’idea che ci sta dietro (che NON è mia) è fin troppo semplice: prendi la macchina fotografica e fai degli scatti alla tua pancia. ma in realtà cela un sacco di sottointensi che non sempre sono facili da affrontare: ad esempio, fotografarsi la pancia, che non è proprio una cazzata, in questo tempo di immagine e di liposuzione. quindi grazie a chi l’ha mostrata senza remora, grazie a chi ancora oggi mi scrive dicendo “quando mi fotografi la pancia?”. io vi assicuro che se fosse per me vi fotograferei ogni giorno. perché per me è un’idea così semplice che non si può non amare o sostenere. e mi innamoro di voi, di voi tutte e voi tutti, che mi fate ridere e sorridere, che vi prendete poco sul serio, che vi imbarazzate, che mi ringraziate.
ma grazie de che? grazie a voi.

Annunci

le verità sugli uomini

Posted in arcani maggiori, scatti e lampi, vista (l)ago with tags , , , , , , , , , , , on 21 marzo 2008 by Auro

non sanno struccarsi.
si preoccupano dei peli più di quanto non si faccia noi.
hanno le tette più grosse delle mie.
si fanno più menate isteriche di noi per farsi fotografare.
ma li amo, li adoro, e amo le loro pance che dicono e ridono.
oggi più che mai sono contenta di far parte di una compagine cazzona e sociopatica in cui mi trovo perfettamente a mio agio.

la danza della pancia

Posted in jpod, polis bergères, vista (l)ago with tags , , , , , on 19 marzo 2008 by Auro

mafe parla criptico, e parla della mia pancia. e in qualche modo anche della loro.
non ho capito molto. ma oggi in fatto di cazzeggio (e di voglia di sparare a chiunque) non si scherza.

occasioni perse

Posted in arcani maggiori with tags , , , , on 9 febbraio 2008 by Auro

le occasioni che fai scappare via talvolta poi le paghi doppie ma io non sono più quella che hai conosciuto. e la prima che se ne spiace sono io.
perchè ero innamorata di me più che innamorata di te.
ma se sono così, è che tu quella mattina non hai schiuso le labbra, è che tu quella notte non mi hai detto sì, ma sei stato più attento alla figura che ci facevi, più che a quello che volevi. è che tu mi hai tenuto la mano sulla pancia per una notte intera e poi mai più. è che io a tutto questo non sono mai stata pronta.

aurò, sono le luci del camerino…

Posted in la ciccia fa giacomo giacomo with tags , , , , on 7 ottobre 2007 by Auro

fede – da amica cara qual è – ha cercato di sbolognare la questione così, ma io oggi nel camerino di tezenis – vi giuro – ho fatto la scoperta definitiva: ho la cellulite sulla pancia.
non c’è più processo di ritorno che conti: da lunedì io suderò come una vacca su quelle cazzo di macchine, e giacomo suderà con me. se no non vale.

cose di oggi

Posted in avec la jupe, ruote sottili, vista (l)ago with tags , , , , , , , on 25 settembre 2007 by Auro

oggi 4 giri di montagnetta con d. e f.
oggi stanca, ma più rilassata di ieri (ci vuole poco).
oggi massi è venuto a prendere velma: c’è più spazio in sala e un buco nel cuore. davvero. per un lungo periodo quella bici è stata molto, quasi tutto.
oggi mi han dato l’ok per un trafiletto sul mensile e forse una bella collaborazione per natale.
oggi mi hanno chiamato dal vecchio lavoro perché hanno bisogno di me.
oggi mi ha chiamato elena: sono tornati da capoverde. domenica si va in bici.
oggi ho deciso che regalo farò per natale agli amici e che regalo possono farmi loro.
oggi la pancia di ilaria era bassa bassa bassa. la mia sempre più grassa.

mix and match

Posted in arcani maggiori, avec la jupe with tags , , , , , , , , on 24 settembre 2007 by Auro

ieri matrimonio. oggi inizia la vera settimana della moda.
sta settimana sarà rutilante di cose e facce.
da venerdì o sabato al massimo sarò diversa. sarò come volevo essere 15 anni fa.
stanotte ho sognato carlotta, ho sognato che ricominciavo a fumare e che litigavo con gemma.
stamattina quando mi sono svegliata c’era un uomo nel mio bagno.
il grigio topo – datemi retta – è molto facile da abbinare. altro che il nero. altro che il bianco.
voglio disperatamente voglio addormentarmi dicendoti buonanotte e poi mettendo la tua mano sulla mia pancia, larga, gonfia e sfatta. e ritrovarla lì la mattina, dicendoti “buongiorno”.